Confraternite e stanze segrete: cosa vedere a Tallin?

Avete un fine settimana libero e volete concedervi un piccolo viaggio? Tallin è perfetta!

   Tallinn è un piccolo gioiellino, easy, non molto pretenziosa, non molto costosa, ideale per un viaggio dove non ci si vuole stancare, ma nemmeno chiudersi in hotel a poltrire. Quindi viaggiate leggeri, zaino in spalla (se ve ne serve uno ideale per i viaggi cliccate qui).
   Senza troppo impegno, grazie la coppia perfetta, che usiamo spesso, Skyscanner e Trivago potete trovare, senza essere troppo fortunati, il volo attorno ai 200€ per due e la camera, per due notti e tre giorni,  attorno ai 300€ sempre per due.
Il costo della vita non è per nulla esoso, si mangia bene e potrete assaporare anche un po’ di Russia

potete leggere qui i post sulla Russia

sia perché alcune specialità sono molto simili, sia perché storicamente facevano parte dello stesso territorio. Dal 1700 circa, infatti, Tallin è stata contesa dai tedeschi, che occupavano quei territori, e dai russi che ne vedevano un potenziale strategico. Dopo la seconda guerra mondiale fu completamente inglobata dall’URSS e questa occupazione durò quasi cinquant’anni, quindi non sarà difficile perdersi in storie affascinanti che narrano di spie, ribelli e attività segrete.
    Il centro storico della città, patrimonio dell’UNESCO, è un borgo medievale, fu danneggiato in passato e, quindi, ristrutturato dopo la seconda guerra mondiale. Altre popolazioni che hanno influenzato il territorio, soprattutto la parte storica, sono state i finlandesi, i danesi e gli svedesi. Toompea, così si chiama la città vecchia di Tallin, racconta tantissime storie, grazie al suo  maestoso castello, ai suoi monumenti e ai suoi palazzi. Sarà proprio un palazzo a raccontarvi della

Confraternita delle Teste Nere

Situato in via Pikk 26 il palazzo è l’unico con la facciata in stile rinascimentale, magnificamente creata da un artista olandese.
Ma chi erano le Teste Nere? Era una Gilda formata da commercianti estoni e stranieri non sposati.
Cosa facevano? difendevano la città da minacce reali ed anche da minacce economiche (una sorta di A-Team del 1400). Inoltre facevano gli onori della città quando commercianti e dignitari andavano in visita e sopratutto erano dei grandi estimatori di arti e culture. Grazie a loro, infatti, Tallinn vanta una collezione artistica di tutto rispetto, non solo strettamente religiosa, ma anche profana o di altro genere.
Perché si chiamavano teste nere? Probabilmente presero il nome da un militare romano, Maurizio, generale della legione tebana, venerato dalla chiesa cattolica. Il generale romano viene rappresentato moro o di carnagione scura, ambrata, forse di origine africane, era famoso sopratutto nelle regioni germaniche ed alpine perché risparmiò, disubbidendo all’ordine dell’imperatore Massimiano, alcuni Vallesi andando incontro all’ira dell’imperatore che decise di sterminare la legione.
    La Confraternita delle Teste nere non è l’unica Gilda che ha segnato la storia della città. La “strada lunga”, via Pikk, ospita diversi palazzi storici dove anticamente vi erano la Gilda Maggiore o di S.Olaf.
Un altro Olaf , re norvegese, presta il nome alla chiesa che caratterizza lo skyline di Tallinn, la chiesa di S.Olaf oltre ad essere protagonista di varie leggende, nel medioevo, vantava il campanile più alto del mondo, allora conosciuto, grazie ad esso Tallinn era facilmente riconoscibile dal mare e quindi meta dei commercianti che ne solcavano le acque.
Altro edificio importante e dalle reminiscenze russe è la cattedrale di Aleksandr Nevskij in puro stile bizantino-russo è consacrata ad un santo ortodosso.
    Tallinn, quindi, seppur piccola è un crogiolo di culture e storie che abbracciano diverse epoche storiche, diverse popolazioni e diversi personaggi. La storia moderna della città è altrettanto interessante, fra KGB e spie ce n’è per tutti i gusti. Al 22esimo piano dell’hotel Viru vi è infatti un museo, interamente dedicato al KGB. Durante la guerra fredda il Viru Hotel era l’unico posto dove i turisti occidentali potevano soggiornare, e il KGB si sentiva autorizzato a spiarli da stanze segrete al 22esimo piano dello stesso hotel, oggi è possibile visitare questo piano segreto e rivivere quel clima con foto ed attrezzature ritrovate dopo la guerra.
   Per farvi un’idea della città vi basterà passeggiare per il centro storico, non scrivo di più!
Cosa magiare? questo si lo scrivo MARZAPANE il più buon marzapane del mondo si trova a Tallinn (secondo noi di unviaggioperdue) provare per credere!
Fare le foto in questo posto è stato quanto più entusiasmante soprattuto perché abbiamo trovato un po di nebbia ed io sono convita che in alcuni paesaggi la nebbia va benissimo!

Con questa meta, piccola, ma ricca di storia e fascino vi saluto e vi invito a condividere se vi va e a seguirci su Instagram!!!

Ciauu

4 pensieri su “Confraternite e stanze segrete: cosa vedere a Tallin?

  1. SognandoViaggi ha detto:

    Non sono mai stata a Tallinn, ma sembrerebbe l’ideale per una “fuga” di un weekend! La terrò d’occhio come meta per un possibile viaggetto low-cost, un po’ come capitato anni fa per Varsavia: una capitale che non avevo mai considerato, ma che si è rivelata molto piacevole da visitare.

    Piace a 1 persona

  2. Silvia - The Food Traveler ha detto:

    Ci sono stata davvero per pochissime ore in occasione di un viaggio a Helsinki, e purtroppo non sono riuscita a vedere molto. Per esempio non ho avuto tempo di vedere l’Hotel Viru dove mi sarebbe piaciuto fare tappa!
    Spero di tornare per darle presto una seconda possibilità e soprattutto per provare il cibo visto che abbiamo avuto solo un pranzo veloce.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...