Neve e castelli: Monaco di Baviera

   Vivendo nel sud del bel paese raramente mi è capitato di vedere la neve, anzi le occasioni in cui l’ho vista si contano sulle punta delle dita. Nonostante questo io ho sempre amato la neve, come potete leggere qui, qualche avversione con il sole, devo ammettere che ce l’ho; adoro il clima fresco, o meglio freddo, mi stanco subito del caldo, molti di voi diranno: “prova a vivere in una città gelida tutto un inverno e poi vediamo” e avete ragione…ma comunque tutto questo preambolo per dirvi che l’anno scorso ho preteso qualche giorno sulla neve. “Preteso” perché, per contro, proprio come due anime gemelle, il maschio alfa di casa preferisce il caldo sole estivo, odia il freddo, e quando ho proposto Monaco di Baviera ha odiato anche me. Se questo post lo dovesse scrivere lui trovereste la tabella dei gradi trovata tutti i giorni nella gelida città e un NON CI ANDATE a caratteri cubitali a fine pagina.
    Ma la verità è che Monaco è davvero bella, e sotto qualche centimetro di neve, diventa fiabesca! Inoltre ci sono un sacco di cose da vedere.
Monaco è la terza città tedesca per numero di abitanti, di sicuro la più importante nella Germania meridionale, la sua ricca e interessantissima storia ha donato alla sua cultura un folclore davvero unico, la sua vicinanza alle Alpi oltretutto non fa che alimentare ancora di più quello che è il suo fascino. La sua storia inizia attorno al 1155 grazie ad Enrico il Leone, duca sassone, dopo altri avvenimenti storici la città viene lasciata alla famiglia Wittelsbach la quale resisterà fino al 1918, grazie a discendenti predisposti in funzioni di spicco. Il periodo storico più vivido è sicuramente quello legato al Sacro Romano Impero, quello più triste, sicuramente il periodo legato alla seconda guerra mondiale. Ma aldilà dei fatti storici, a sconvolgere di più la Baviera, non sono stati, a mio avviso, i fatti ma le persone; è impressionante notare quante persone siano nate, o affermato la propria personalità, in Baviera!! La più famosa delle principesse, quelle vere intendo, Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach o meglio Sissi; Wolfgang Amadeus Mozart, nacque a Salisburgo ma crebbe musicalmente a Monaco e desiderava un posto presso la corte dei Wittelsbach; Albert Einstein crescuto a Monaco; Strauss compositore; il filosofo padre del concetto di persona e diritto Scheler e molti altri.
   Ma colui che sicuramente non potrà altro che risuonare per giorni nella vostra mente è Ludovico II di Wittelsbach ve lo nomineranno in tutte le solfe: “Il pazzo re Ludwig” “Il misterioso Ludwig” “Il re dei castelli” e il mio preferito “Il re delle fiabe”. Ludovico II ha lasciato un patrimonio storico, artistico e turistico inestimabile; la Baviera è visitata ogni anno da milioni di turisti che seguono il percorso tracciato dal re e dai suoi stravaganti castelli. Una personalità controversa, eclettica e sognatrice con i vizi e i capricci simili ad una star di Hollywood di fatti anche le circostanze in cui morì furono strane e misteriose. Lo dichiarano pazzo per via dei vizi e dei soldi che spende, senza però visita medica, e il giorno dopo lo trovano morto nel centro del lago di Stranberg e alcune leggende narrano che non furono ritrovate orme sulla neve, quindi alcuni credono che l’abbiano ucciso e gettato senza lasciare tracce. Mecenate di Richard Wagner il re delle fiabe progetta, lasciandosi ispirare dal celebre compositore (secondo alcuni era follemente innamorato di lui), il castello di Neuschwanstein, lo scopo?! Donarlo al compositore come fortezza di pace e tranquillità per creare la sua musica. Un dato di fatto è che il castello è pieno zeppo di simboli esoterici, rimandi alle opere di Wagner e fiabe antiche, comunque Wagner non visiterà mai il castello, lo stesso Ludovico passerà solo 172 giorni nel castello. Ma comunque ve ne parlerò meglio in un’altro post.
Cos’altro visitare?
   Marienplatz la piazza centrale, dove si affaccia il palazzo del municipio nuovo, è sicuramente una delle piazze più belle che abbia mai visto, stile neo gotico (1867) contiene uno degli orologi a carillon più grandi del mondo.
   Al centro della città l’ Englischer Garten – giardino inglese – è un luogo davvero piacevole per godersi la neve e qualche attimo di relax.
   La Münchner Residenz residenza dei duchi e aristocratici, non lasciatevi ingannare dall’esterno, l’interno della residenza è davvero stupefacente.
   Il Dom o meglio lFrauenkirche – cattedrale di nostra signora il progetto inizia nel 1468 ma la costruzione dei due campanili termina nel 1525. La cattedrale è famosa non solo per le sue navate molto alte, per il suo stile severo e imponente, ma anche per gli organi che risuonano al suo interno. Inoltre vi è una leggenda che avvolge di mistero la struttura ed è l’impronta del diavolo, visibile all’ingresso su una mattonella.
    La città è ricca di musei, che all’occorrenza si trasformano in ottimi ripari dal freddo. Il più importante è sicuramente Il Deutsches Museum è il più grande museo dedicato alla scienza  e alle tecnologie. 
    Monaco di Baviera è sicuramente un gioiellino vista con la neve, basta spostarsi di poco per visitare due dei più bei castelli che abbiamo in Europa, ha un centro raccolto e si presta a lunghe passeggiate; se come me trovate la neve che magari vi impedisce di camminare, musei, ristoranti, pub e centri commerciali non mancano. 
Nel prossimo post vi racconto dei castelli e di cosa mangiare e soprattuto cosa bere! 
Annunci

9 pensieri su “Neve e castelli: Monaco di Baviera

  1. ursaeminor ha detto:

    Ma fiabesca per davvero! E che incanto la neve!
    Anche io, come te, sono simpatizzante per le latitudini più nordiche. L’Europa è piena di gioiellini come questo….ma noi ci consoliamo con la Costiera Amalfitana dai!
    Aspetto con ansia il post sul Castello Neuschwanstein. Lo adoro, per me quello è “IL” Castello!
    Un grosso saluto e, se non ci incrociamo prima, ti faccio i miei auguroni di Natale qui!

    Liked by 1 persona

  2. newwhitebear ha detto:

    Monaco è splendida sia d’inverno che d’estate. E’ straordinario nel periodo estivo Marienplatz a mezzogiorno. Tutti seduti sulle sedia, accatastate in un angolo della piazza per assistere allo spettacolo dell’orologio. La cosa incredibile è che alla fine dello spettacolo tutti ripongano le sedie là dove le hanno prese.
    Sotto Natale, ci sono capitato un paio di volte è stupenda con addobbi e mercatini.
    Una città che amo molto.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...